Icon home
Novità
Notizia selezionata
LA SQUADRA DI REMATORI DEL SALVORINO-UMAGHESE RITORNA ALLA REGATA STORICA
Manifestazioni
03.09.2021.
Condividi
Icon share
Icon Facebook
imageLoader
Icon home
Novità
Notizia selezionata
LA SQUADRA DI REMATORI DEL SALVORINO-UMAGHESE RITORNA ALLA REGATA STORICA
Manifestazioni
03.09.2021.
Condividi
Icon share
Icon Facebook
imageLoader

Il cinque settembre prossimo si terrà a Venezia la prossima edizione della Regata Storica, che per tradizione si svolge la prima domenica di settembre. Le origini della “Regata” si perdono nella notte dei tempi, quando nel 942, a Venezia dei pirati rapirono donne in età da marito costringendo i giovani veneziani a remare con impetuosa veemenza per liberarle. L’evento diede origine alla Festa delle Marie in cui si disputavano gare di voga, tradizione che venne mantenuta nei secoli. La Regata acquisì l’appellativo di “Storica” nel 1899, quando alla consueta gara si aggiunse il corteo storico in riferimento al sontuoso arrivo a Venezia della Regina di Cipro, Caterina Cornaro, che nel 1489 aveva abdicato in favore della Serenissima.


Oggi la manifestazione è sempre occasione, non solo di grandi festeggiamenti, ma anche di consolidamento degli storici rapporti di amicizia tra la gente delle due sponde dell’Adriatico. All’entusiasmo dei rematori si è aggiunto anche l’impegno delle istituzioni, il Comune di Venezia, la Città di Umago e l’Unione Italiana, che garantisce la continuità dell’evento.


Silvano Pelizzon, che da anni partecipa alla regata con la sua squadra di rematori in rappresentanza congiunta di Umago e Salvore, ha condiviso con noi le sue impressioni su questa importante manifestazione.


A quando risale la prima partecipazione della squadra di Umago-Salvorealla regata storica?

Abbiamo partecipato per la prima volta nel 2001, facendo il bis l’anno successivo. Poi c’è stato un periodo di pausa di una decina d’anni, e siamo tornati nel 2012, ripresentandoci ogni anno da allora. Noi partecipiamo al corteo storico, cioè con le barche addobbate remiamo lungo tutto il percorso sul Canal Grande passando davanti alla Machina, il palco galleggiante con tutte le autorità, che viene eretto appositamente ogni anno davanti alla Ca’ Foscari.Come imbarcazioni, per molti anni l’Arsenale ci ha messo a disposizione una bissona a otto remi, ma da due anni partecipiamo su una caorlina a sei remi.


Che significato ha per voi la partecipazione alla manifestazione?

Partecipare alla regata èsempre un onore per noi. Innanzitutto perché nel 2001 noi, insieme a Capodistria siamo state le prime squadre non veneziane incluse nella manifestazione. Quell’evento ha creato molto interesse per la nostra presenza, perché essa simboleggia il legame storico tra le due sponde del mare Adriatico, come aricordarci che siamo figli dello stesso mare.La nostra squadra è sempre accolta con simpatia ed entusiasmo e ormai ci consideriamo gli ambasciatori a Venezia per il nostro territorio. Un altro aspetto importante, e per noi motivo di orgoglio, è il fatto di avere sulla barca il vessillo di Umago con il Leone di San Marco, simbolo che la Serenissima non concedeva facilmente e permetteva che se ne fregiassero solo le città reputate “fedelissime”. Umago evidentemente lo era, perché secondo la leggenda, quando una burrasca colse di sorpresa la nave che trasportava le spoglie di San Marco, i veneziani trovarono rifugio nel porto di Umago. Dunque, nel concedere il vessillo, Venezia ha espresso la sua gratitudine alla nostra città per averle salvato le reliquie del santo patrono.


Quali sono i ricordi più belli che ha della partecipazione alla Regata? Ci racconti i fatti salienti.

Innanzitutto c’è stata l’emozione del primo e secondo anno, perché ogni prima volta…è la prima volta!Quella che dà un effetto particolare. Ma devo confessare che anche per uno come me, che ha partecipato con la squadra a tutte le edizioni della Regata nel ruolo di pope, l’ultimo rematore in poppa che fa anche da timoniere, ogni volta che si passa sotto il ponte di Rialto e si fa il saluto con l’alzaremi alla tribuna della Machina, è un momento in cui sentiamo l’importanzae l’onore del nostro ruolo. Inoltre c’è l’affetto del pubblico, che dalle rive che ci chiama addirittura per nome perché ormai ci conoscono. Il nostro rapporto con Venezia si è ulteriormente sviluppato con rapporti di amicizia con istituzioni veneziane, con l’Arsenale e con le società remiere, in particolare con la società Casteo con cui abbiamo scambiato visite diospitalità. Un altro momento indimenticabile è stata la remata per la laguna di Veneziail giorno prima della Regata nel 2001. Ci siamo allenati insieme all’equipaggio di Capodistria, spingendoci fino a Punta Sabbioni e Burano. È stata un’esperienza unica perché noi, non possedendo un’imbarcazione delle dimensioni adeguate, non abbiamo la possibilità di allenarci al di fuori dell’evento stesso.


Quali sono le vostre aspettative per il futuro riguardo alla manifestazione?

Il nostro primo desiderio è che questa collaborazione duri nel tempo. In secondo luogo che il nostro equipaggio non rimanga sempre lo stesso ma che si possano introdurre dei rematori giovani, anche se non è facile trovare giovani dedicati alla voga. Infine c’è l’ambizione di procurarci un’imbarcazione come quella dei veneziani in cui si remi in quattro come minimo, un topo o una caorlina che per noi sarebbe il massimo. Attualmente noi possediamo solo le battane, dove si voga singolarmente, che non è la stessa cosa, perché sulle nostre barche voghiamo con due remi, mentre su quelle veneziane con un remo solo, per esempio, quattro a destra e quattro a sinistra.Al di là di questo, il nostro desiderio per ogni edizione è sempre quello di fare bella figura.


Per l’edizione 2021 della Regata Storica, la squadra Umago-Salvore sarà composta, oltre che da Silvano Pelizzon da Danilo Latin, Alessandro Pelizzon, Rino Ossich, Roberto Sirotić, Valter Sirotić, Dario Dobrović, Renzo Turcovich. Ad accompagnare il gruppo c’è anche Daniel Ossich.

expand
Condividi
Icon share
Icon Facebook
Iscriviti al nostro
newsletter.
Invia
Invia